Close

Château Kirwan

Ordina per
Visualizza per pagina
WS

92
Kirwan
75cl

Kirwan 2000

Château Kirwan
Esaurito
JS

94
Kirwan
75cl

Kirwan 2009

Château Kirwan
Esaurito
WS

93
Kirwan
75cl

Kirwan 2010

Château Kirwan
Esaurito
JS

95
Kirwan
75cl

Kirwan 2019

Château Kirwan
Esaurito
JS

93
Kirwan
75cl

Kirwan 2021

Château Kirwan
CHF 42.80
Kirwan
75cl

Kirwan 2022

Château Kirwan
Esaurito
Kirwan
150cl

Kirwan 2022

Château Kirwan
CHF 92.30
Kirwan
75cl

Kirwan 2023

Château Kirwan
CHF 31.40
Kirwan
600cl

Kirwan 2023

Château Kirwan
CHF 321.20
Kirwan
150cl

Kirwan 2023

Château Kirwan
CHF 67.30
Kirwan
300cl

Kirwan 2023

Château Kirwan
CHF 175.60
Immagine di Les Charmes de Kirwan (2nd Vin) 1995
75cl
Kirwan è una tenuta dal fascino infinito. Il castello del tardo XVIII secolo fu costruito da Mark Kirwan, un prospero uomo d’affari irlandese che combinò due piccoli vigneti adiacenti nel villaggio di Cantenac e diede il suo nome alla nuova tenuta. Kirwan fece molto per migliorare la reputazione del vigneto e il libro “Thomas Jefferson on Wine” ci racconta che durante un viaggio a Bordeaux, nel 1787, il terzo presidente americano lodò molto il suo vino, notando che lo “Château de Quirouen” era in Deuxième Cru assieme a “Ségur”, “Lynch”, ecc. Lo Château Kirwan era elencato come primo dei Troisième Cru nel 1855, quando fu fatta una classificazione dei vini del Médoc per l’Esposizione Universale durante il regno di Napoleone III. La famiglia Godard acquistò Kirwan nella seconda metà del XIX secolo, espanse i vigneti e progettò magnifici cortili e giardini, con uno stagno e un roseto. La famiglia Schÿler ha acquistato Kirwan nel 1926. Originari delle città appartenenti alla Lega Anseatica, gli Schÿlers arrivarono a Bordeaux nel 1739 per stabilirvi un’attività vinicola. Questa famiglia ha fatto importanti investimenti a Kirwan a partire dagli anni Settanta ed è strettamente identificata con questo grande vino. Nel 2007 l’esperienza di Sophie, Nathalie e Yann Schÿler è stata integrata con la nomina di un nuovo direttore generale, l'esperto enologo Philippe Delfaut.