Telefonaci +41 91 649 68 88
  • EUR
  • CHF
  • USD
  • English
  • French
  • German
  • Italian

Un 2018 lodevole per Bordeaux

“Posso solo dire che il 2018 è un anno eccezionale per i vini bordolesi.” – James Suckling

Con un inizio da incubo ma un finale da sogno, nonostante le numerose sfide di questo difficile anno, l’ultima annata 2018 è a dir poco eccezionale. Dopo una settimana in viaggio per visitare Bordeaux, ma principalmente dopo aver degustato le ultime novità, il 2018 ha tutte le carte in regola per entrare a far parte delle annate leggendarie di Bordeaux.


“L’anno si è praticamente diviso in due stagioni ben distinte” – Jean Garandou, Château Latour

“Il fattore determinante è stato il clima caldo e soleggiato da metà luglio fino alla fine del raccolto ad ottobre.” – James Suckling

Descritto come un anno di estremi, inizialmente caratterizzato da un’umidità senza precedenti e da tempeste di grandine che hanno devastato i terreni, oltre a diluvi e la conseguente diffusione di muffe, bisogna dire che la regione si è in seguito risollevata durante la seconda metà dell’anno. A causa di questi fattori e di alcune sfortunate conseguenze del gelo nel 2017, i raccolti hanno scarseggiato per alcuni produttori. Se questo ha decisamente avuto un impatto sulla quantità, fortunatamente la qualità non è stata minimamente intaccata.


“I migliori vini hanno molto in comune: molta freschezza al naso, una spiccata vivacità considerando l’annata, al palato la struttura è succosa, densa, ma fluida ed eterea; il tannino, potente come per un tipico 2018, non influisce sul finale.” – Jean-Marc Quarin

Se la qualità e la maturità di quest’annata hanno molti lati positivi, essa presenta anche delle contraddizioni. Come al solito, a Bordeaux i migliori terroirs sono stati in grado di produrre vini freschi e fantasticamente eleganti.  Ad ogni modo, gli Chateaux che hanno saputo scegliere il momento perfetto per raccogliere le uve, hanno creato i migliori vini tra tutti. Quest’anno i più grandi rossi regalano freschezza e una potente concentrazione; i tannini sono setosi e bilanciano l’elevato livello alcolico, rendendoli approcciabili ed estremamente adatti all’invecchiamento. In generale, parliamo certamente di un’annata da rosso, mentre i vini bianchi secchi e dolci hanno messo alla prova le abilità dei produttori. I bianchi secchi regalano un’ottima qualità come di consueto, ma quest’anno, più che mai è stato cruciale il tempismo nel raccolto, al fine di conferire ai vini una certa freschezza. A soffrire maggiormente sono stati i bianchi dolci, a causa del lento sviluppo della botrytis.


“Non è un’annata omogenea, ma la 2018 sarà ricordato come una delle migliori annate di Bordeaux.” – Jeff Leve, The Wine Cellar Insider

Non è questione di Riva Sinistra o Riva Destra quest’anno: ci sono appellazioni che spiccano in tutta la regione. Sulla Riva Destra, Saint-Émilion e Pomerol hanno creato vini magnifici, specialmente gli Chateaux che hanno Saputo preservare la naturale acidità e la freschezzadel frutto. Châteaux Cheval Blanc, Ausone, Figeac and Pavie, così come altri, hanno portato in tavola dei veri e propri capolavori in questa annata 2018. A Pomerol, Châteaux La Conseillante, Clinet, Vieux Château Certan e l’Église Clinet, hanno presentato vini strutturati e raffinati, dimostrando la loro linearità e il loro costante know-how.


“I vini son oil frutto di una rara combinazione di opulenza, con ottima acidità e freschezza.”
Alexandre Van Beek, Managing Director of Château du Tertre and Château Giscours

Spostando l’attenzione sulla Riva Sinistra, si puo’ dire che tutte le appellazioni del nord Médoc (Saint-Estèphe, pauillac e Saint Julien) hanno dato alla luce vini strabilianti, non in modo uniforme, ma in linea generale i Top Chateaux hanno lavorato molto bene. A Saint-Estèphe, Chateau Calon Ségur si è contraddistinto come una delle superstar dell’appellazione e, probabilmente,persino di tutta l’annata. Chateau Cos d’Estournel e Les Ormes de Pez hanno prodotto vini dalla qualité eccelsa. A Pauillac, l’elegante e seducente Lafite Rothschild 2018 ha rubato la scena, mentre i vini di Pichon-Longueville Comtesse, Pichon Baron e Grand-Puy-Lacoste sono stati I loro migliori di sempre. Quest’anno, Saint Juliensi è dimostrato molto costante. Léoville Las Cases e Ducru-Beaucaillou, tuttavia, sono emersi come i luminari dell’appellazione. In quanto a Margaux, l’intera denominazione ha prodotto vini degni di nota; Rauzan Ségla 2018 rasenta la perfezione e rappresenta un’eccellente emblem della regione. Mentre palmer ha profondamente sofferto per la diffusione della muffa, perdendo così i 2/3 della sua produzione totale, il vino che ne è conseguito è di qualità sbalorditiva, una vera ispirazione fermata Margaux. Senza ombra di dubbio, Brane-Cantenac ha prodotto un vino con un imperdibile rapporto qualità-prezzo. Nonostante il carattere eterogeneo in quanto a qualità e stile di Pessac-Léognan, Les Carmes Haut Brion si è rivelato veramente incredibile, ha infatti creeato un 2018 pieno di vita, che ha lasciato senza parole il nostro Head Sommelier.


“I Bordeaux 2018 presentati quest’anno En primeur possono essere perfettamente riassunti in due sole parole: croce e delizia.” – Roger Voss, Wine Enthusiast

Come molti di voi già sanno, le buone condizioni climatiche e la lunga fase di raccolto hanno permesso a molti produttori di produrre vini incredibili, tutavia quest’annata non è ancora abbastanza omogenea da essere acquistata “alla cieca”. È dunque fondamentale studiare nel dettaglio quest’annata non solo in base all’appellazione, ma anche selezionando bene Chateau e addirittura vigneto. Non ripeteremo mai abbastanza quanto sia  importante, quest’anno, affidarsi alla sapienza di una fonte sicura. Dopo aver trascorso una settimana a degustare centinaia di Primeur 2018 nella capitale mondiale del vino, il Team ARVI è lieto di condividere la sua esperienza con voi.


“Indipendentemente dal modo in cui sono stati prodotti, la maggior parte dei rossi del 2018 che ho degustato ha una bellissima struttura con frutti maturi e tannini potenti, ciononostante la bevibilità è impressionante: un inconfutabile segno di qualità.” – James Suckling

Con un’annata così variabile, è essenziale assicurarsi i migliori vini prima che siano rilasciati sul mercato. Acquistare En Primeur non è soltanto il miglior modo per aggiudicarsi le etichette più ricercate, ma anche per accaparrarsi la quantità e i grandi formati desiderati. Acquistare En Primeur garantisce la provenienza del vino. Stiate certi che, acquistando da una fonte affidabile, ogni singola bottiglia è stata conservata e mantenuta nel migliore dei modi.


“L’annata 2018 rimarrà impressa nella storia.” – Elin McCoy, Bloomberg

Come sempre, quando si parla di En Primeur, è doveroso acquistare da una fonte affidabile e finanziariamente solida. Negli anni passati, alcune aziende sono andate in bancarotta, pertanto è davvero consigliabile comprare da un distributore stabile e affidabile, uno che possieda determinate allocazioni e che vi consegnerà i vini con assoluta certezza.


“I vini possiedono una perfetta struttura per l’invecchiamento. La loro qualità è almeno dello stesso livello del 2016 e, talvolta, persino migliore.” – Christian Seely, Managing Director of AXA Millésimes

La richiesta di vini En Primeur a livello globale è elevate e aumenta di anno in anno. Ci aspettiamo che i vini top verranno esauriti in un battibaleno. Come d’abitudine, informeremo i nostri clienti non appena i vini saranno rilasciati. Per evitare delusioni, tuttavia, avremo necessità di una reattività altrettanto incisiva e al passo col mercato.

ARVI è qui per assistervi. Disponiamo di una delle maggiori allocazioni dei top Bordeaux 2018 e offriamo ciascun vino senza alcun vincolo. Daremo priorità ai client che hanno già acquistato En Primeur da noi e, oltre al formato classico e alle mezze bottiglie, come di consueto daremo ai nostri clienti la possibilità di scegliere tra diversi grandi formati, dalle Magnum alle stravaganti Primat (27 litri). Con En Primeur è l’ora di sognare in grande (e agire rapidamente). La nostra ambiziosa schiera di consulenti vi assisterà durante l’acquisto; vi guideremo attraverso la selezione dei vini En primeur di quest’anno e vi daremo indicazioni personalizzate, in base ai vostri desideri e gusti personali, ovviamente.